Concessionario Ministeriale per i Tribunali di Lucca e Massa

FALL. 130/2014 CUSTODIA: DIRITTI PARI AI 6/9 DELLA PIENA PROPRIETA DI TERRENO EDIFICABILE DELLA SUPERFICIE DI MQ. 18398,00 SITUATO NEL COMUNE DI MASSA...


Prezzo base: € 112.500,00


Offerta minima: € 84.375,00


Data vendita: 20/12/2019 10:00

Termine presentazione offerte: 19/12/2019 12:00

Tipo di vendita: Senza incanto

Procedura: FALLIMENTARE 130/2014

In vendita

Tipo Procedura FALLIMENTARE
Numero Procedura 130/2014
Tipo vendita Senza incanto
Data vendita 20/12/2019 10:00
Termine presentazione offerte 19/12/2019 12:00
Prezzo base: € 112.500,00
Offerta minima € 84.375,00
Luogo Vendita SALA ASTE I.V.G.: VIALE SAN CONCORDIO, 996/B - LUCCA
Tribunale Tribunale di LUCCA

Soggetti

Giudice
Nome DR. GIACOMO LUCENTE
Custode
Nome Istituto Vendite Giudiziarie di Lucca

Ultimo aggiornamento 11/10/2019 11:51

Scheda pubblicata sul sito IVG il 11/10/2019 00:00

Prenota una visita
Logo

Lucca
Concessionario Ministeriale per i Tribunali di Lucca e Massa

Si ricorda che tutte le attività informative e di visita sono prestate dall'Istituto Vendite Giudiziarie in modo totalmente gratuito, senza onere alcuno da parte del richiedente.

Stampa Scheda

Storico Aste

Dettaglio Lotto

Genere IMMOBILI
Categoria ALTRA CATEGORIA
Titolo FALL. 130/2014 CUSTODIA: DIRITTI PARI AI 6/9 DELLA PIENA PROPRIETA DI TERRENO EDIFICABILE DELLA SUPERFICIE DI MQ. 18398,00 SITUATO NEL COMUNE DI MASSAROSA (LU), LOC. FONDACCI, VIA DI MONTRAMITO.
Abstract

IL TERRENO E’ RAPPRESENTATO ALL’AGENZIA DEL ENTRATE DI LUCCA, SEZIONE CATASTO TERRENI, NEL FOGLIO 30, PARTICELLA 70, SEMINATIVO DI CLASSE 2, MQ. 18.398,00, R.D. €.83.62, R.A. €. 66,51.

Dettaglio Beni

Indirizzo VIA DI MONTRAMITO - LOC. FONDACCI
55054 MASSAROSA (LU)
Tipologia ALTRA CATEGORIA
Categoria TERRENO
Descrizione

TRIBUNALE DI LUCCA
Sezione Fallimentare

La Dott.ssa Carla SACCARDI, Curatore del fallimento n. 130/2014; visti gli articoli 104 ter, 105, 107 e 108 L.F.; visto il programma di liquidazione approvato ed in esecuzione degli atti ad esso conformi come disposto dal Giudice Delegato,

A V V I S A
che il giorno 20 dicembre 2019 ore 10:00 presso l’Istituto Vendite Giudiziari di Lucca, Viale San Concordio 996/B si procederà alla VENDITA SENZA INCANTO del seguente bene immobile e meglio descritto nella consulenza tecnica estimativa in atti, alle condizioni e con le modalità che seguono; nonché nella situazione di fatto e di diritto in cui l’immobile stesso si trova, anche in relazione alla Legge n. 47/1985 e sue successive modifiche:
***
LOTTO UNICO:
DIRITTI PARI AI 6/9 DELLA PIENA PROPRIETA’ DI UN TERRENO EDIFICABILE SITO NEL COMUNE DI MASSAROSA
Descrizione del bene:
Diritti pari ai 6/9 della piena proprietà di un terreno edificabile sito nel Comune di Massarosa, Fraz. Montramito, Loc. detta Fondacci.
Trattasi di terreno pianeggiante di superficie catastale complessiva di mq 18.398, posto in aerea periferica rispetto al Comune di Massarosa nella frazione di Montramito in località detta “Fondacci” nell’immediata prossimità della Via provinciale di Montramito.
L’accesso al fondo avviene per mezzo di strada poderale, che si innesta sulla via provinciale di Montramito, e che in parte insiste anche sul terreno oggetto di stima.
Sull’immobile sono presenti un box e bagno chimico, semplicemente appoggiati a terra e non stabilmente ancorati, non accessibili. A seguito dI verifica presso gli uffici comunali, non risultano autorizzazioni e/o permessi che autorizzino la mera posa temporanea di tali manufatti, oltre ad alcuni materiali appoggiati a terra da smaltire.
Referenze catastali
Il terreno è rappresentato all’Agenzia del Entrate di Lucca, sezione catasto terreni, nel foglio 30 particella 70, seminativo di classe 2, mq 18398, R.D. €.83.62, RA €. 66,51.
Confinanti
Il terreno confina con map. 14, map. 471, map. 221, map. 13, map. 85, map. 538, map. 88 e map. 265.
Provenienza
I diritti pari a 6/9 della piena proprietà, del terreno oggetto di stima sono pervenuti alla “Massa dei Creditori del fallimento LA QUADRIFOGLIO SCAVI srl” in ordine alla sentenza n.133/2014 emessa dal Tribunale di Lucca e depositata presso la cancelleria del medesimo tribunale in data 20/10/2014, titolo trascritto presso l’ufficio provinciale di Lucca – servizio di pubblicità immobiliare in data 22/12/14 al n.11.641 di formalità.
Formalità pregiudizievoli
Trascrizione, nota n°10.047/15 del 28/10/15, atto amministrativo del Comune di Massarosa n°730/15 costituzione di servitù coattiva per passaggio di fognatura.
Trascrizione, nota n°11.641/14 del 22/12/14, atto giudiziario del Tribunale di Lucca n°133/14, sentenza dichiarativa di fallimento contro la soc. “LA QUADRIFOGLIO SCAVI S.R.L.”, per i diritti di 6/9.
Iscrizione, nota n°560/13 del 02/04/13, IPOTECA GIUDIZIALE del Tribunale di Lucca n°360/12, derivante da decreto ingiuntivo per €.50.000,00 (capitale €. 38.414,09) contro la soc. “LA QUADRIFOGLIO SCAVI S.R.L.”, per i diritti di 6/9.
Iscrizione, nota n°2113/12 del 29/11/12, IPOTECA GIUDIZIALE del Tribunale di Lucca n°360/12, derivante da decreto ingiuntivo per €.350.000,00 (capitale €. 294.978,33) contro la soc. “LA QUADRIFOGLIO SCAVI S.R.L.”, per i diritti di 6/9.
Iscrizione, nota n°1.601/12 del 10/09/12, IPOTECA GIUDIZIALE del Tribunale di Lucca n°4178/12, derivante da decreto ingiuntivo per €.80.000,00 (capitale €. 64.372,00) contro la soc. “LA QUADRIFOGLIO SCAVI S.R.L.”, per i diritti di 6/9.
Iscrizione, nota n°1.540/12 del 16/08/12, IPOTECA GIUDIZIALE del Tribunale di Lucca n°938/12, derivante da decreto ingiuntivo per €.45.000,00 (capitale €. 38.043,60) contro la soc. “LA QUADRIFOGLIO SCAVI S.R.L.”, per i diritti di 6/9.
Situazione urbanistica
Il lotto risulta attualmente inserito nel vigente R.U. in “aree non pianificate”. In tali aree sono consentiti gli interventi previsti per le partizioni spaziali E3 (Area agricola) e gli interventi disciplinati dall’art.105 della LR 65/2014 e art.110 del R.U. vigente. Ad oggi l’area non pianificata, per essere attuata, ha necessità di essere ripianificata mediante approvazione di variante urbanistica, predisposta dalla pubblica amministrazione o comunque richiesta dal proprietario del lotto, nel rispetto del dimensionamento o destinazioni del PS e del RU vigenti e in conformità con la normativa regionale. È necessario verificare la fattibilità di un futuro intervento con la LR 41/2018 in materia di rischio alluvioni e con il PIT.
Oggi il lotto corrisponde ad una porzione effettivamente ricoperta di vegetazione assimilabile al bosco della superficie di mq 2300 circa.
Situazione idraulica
In data 30.09.2018 è entrata in vigore la legge regionale 41/2018 del 24/07/2018. L’area risulta essere inserita nelle zone normate da tale legge “Disposizioni in materia di rischio alluvioni..”. gli interventi di nuova edificazione e gli interventi sul patrimonio esistente devono prevedere opere per a gestione del rischio idraulico che consentano un raggiungimento di livello di rischio medio R2. Questo è ottenibile attraverso la realizzazione di opere idrauliche, opere di sopraelevazione e/o interventi di difesa locale indicati nella normativa a seconda della tipologia di intervento edilizio.
Secondo quanto indicato dalla “mappa di pericolosità” per il lotto in oggetto sono previsti battenti idraulici massimi di 1.50 m.
Relativamente alla ripianificazione l’area potrà essere ripianificata mediante presentazione di variante urbanistica, sia da parte dell’amministrazione che su richiesta della proprietà. Quanto sopra considerato sembrerebbe che la destinazione urbanistica del lotto sarà probabilmente agricola o assimilabile ad essa, ma non sono escluse altre possibili destinazioni urbanistiche.
Stima
I diritti pari a 6/9 sul terreno edificabile sito in comune di Massarosa, fraz. Montramito, loc. detta “Fondacci” sono posti in vendita al prezzo base di perizia pari a euro 112.500 (Euro centododicimilacinquecento/00) oltre IVA con aliquota ordinaria.
***
Gli offerenti, per essere ammessi alla vendita senza incanto, dovranno presentare presso l’Istituto Vendite Giudiziarie di Lucca, Viale S. Concordio 996/B, offerta di acquisto entro il termine del 19 dicembre 2019 ore 12,00.
L’offerta irrevocabile, ai sensi dell’art. 571, comma IV, c.p.c., dovrà contenere l’indicazione del bene, del prezzo offerto, della cauzione presentata, del tempo e del modo di pagamento e ogni altro elemento utile alla valutazione dell’offerta, nonché le generalità complete dell’offerente (cognome, nome, luogo e data di nascita, domicilio, codice fiscale, recapito telefonico, copia di valido documento d’identità, l’indicazione del proprio stato civile e, in caso di regime di comunione dei beni, anche le generalità del coniuge; qualora gli offerenti fossero persone giuridiche, oltre all’indicazione delle generalità del legale rappresentante, corredata da copia del documento di identità di questi, dovranno indicarsi i dati della società rappresentata, nonché fornirsi prova della legittimazione ad agire in nome e per conto della società medesima, allegando all’offerta anche una certificazione camerale autentica aggiornata, ritirata presso la Camera di Commercio). Se l’offerente è minorenne l’offerta dovrà essere sottoscritta dai genitori previa autorizzazione del Giudice Tutelare; se l’offerente risulta essere extracomunitario dovrà essere allegato il permesso di soggiorno od equipollente documento. Non sarà possibile intestare l’immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l’offerta.
L’offerta, in busta chiusa, dovrà essere formulata in carta resa legale (con marca da bollo da € 16), contenente altresì un assegno circolare non trasferibile intestato a “Fallimento n. 130/14 Curatore Dr.ssa Carla Saccardi” per un importo non inferiore al 10% del prezzo offerto, a titolo di cauzione e un assegno circolare intestato a “So.Fi.R. S.r.l.” di un importo pari al 2% + IVA del prezzo offerto, a titolo di diritti d’asta. L’offerente dovrà dichiarare la residenza o eleggere il domicilio nel comune nel quale ha sede il Tribunale, in mancanza le comunicazioni gli saranno fatte presso la cancelleria.
Le offerte non saranno efficaci se pervenute oltre il termine stabilito, se inferiori di oltre un quarto rispetto al prezzo stabilito dall’avviso di vendita o se l’offerente non presti cauzione con le modalità stabilite nell’ordinanza di vendita, in misura non inferiore al decimo del prezzo da lui proposto.
L’Istituto Vendite Giudiziarie di Lucca effettuerà, ai sensi degli artt. 572 e 573 c.p.c., l’esame delle offerte e l’eventuale gara tra gli offerenti il giorno 20 dicembre 2019 alle ore 10:00, presso la propria sede sita in Lucca (LU), Viale S. Concordio n. 996/B.
In riferimento al disposto di cui all’art. 574 c.p.c., l’Istituto Vendite Giudiziarie di Lucca, se farà luogo alla vendita, disporrà il modo del versamento del prezzo da eseguirsi nel termine di giorni 90 (novanta) dall’aggiudicazione.
Se il prezzo di aggiudicazione risulterà superiore al prezzo offerto, l’aggiudicatario dovrà corrispondere il pagamento dell’importo dei diritti d’asta, soggetti ad IVA, spettanti all’Istituto Vendite Giudiziarie – So.Fi.R. S.r.l. nella misura del 2% da calcolarsi sul prezzo dell’aggiudicazione, detraendo, quindi, quanto già versato al momento del deposito dell’offerta.
L’aggiudicatario dovrà versare il prezzo, entro il termine di 90 GIORNI DALL’AGGIUDICAZIONE, detratta la cauzione già versata, sul conto corrente intestato alla procedura. In caso di mancato versamento del prezzo, nei termini stabiliti, si procederà ai sensi dell’art. 587 c.p.c.
L’acquirente/aggiudicatario, in luogo del versamento del prezzo di aggiudicazione, potrà ricorrere ad un contratto di finanziamento o di mutuo che preveda il versamento diretto delle somme da erogare alla procedura, se lo avrà indicato nell’offerta di acquisto. Anche in questo caso il saldo dovrà avvenire entro i predetti termini.
All’atto dell’emissione del decreto di trasferimento, l’aggiudicatario dovrà depositare presso il domicilio del Curatore, sito in Via G. Guidiccioni n. 188 a Lucca (LU), due assegni circolari, uno pari alle imposte cui sarà assoggettato il decreto di trasferimento secondo la normativa vigente, l’altro dell’importo necessario per le spese di trascrizione e voltura catastale, nonché i diritti di cancelleria e i bolli per il decreto di trasferimento e la copia autentica per la trascrizione.
L’espletamento delle formalità di cancellazione delle trascrizioni dei pignoramenti, della sentenza di fallimento e delle iscrizioni ipotecarie conseguenti al decreto di trasferimento pronunciato dal Giudice Delegato ai sensi dell’art. 586 c.p.c. avverranno invece a cura e spese della procedura.
Trattandosi di vendita eseguita all’interno di una procedura concorsuale, non si applicherà la garanzia per i vizi ai sensi dell’art. 2922 c.c. La vendita avverrà a corpo e non a misura, con tutte le eventuali pertinenze, accessori, ragioni ed azioni, servitù attive e passive, apparenti e non, con gli impianti, se presenti, nello stato in cui si trovano anche se non rispondenti ai dettami normativi emessi in materia.
L’aggiudicatario definitivo potrà, ricorrendone i presupposti, avvalersi delle disposizioni di cui agli articoli 40, comma sesto, della L. 47/85, e 46 comma quinto del D.P.R. 380/2001.
L’eventuale esistenza di vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere (ivi compresi quelli urbanistici), per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti o non presenti nella perizia di stima o nell’avviso di vendita, non potranno dare luogo a nessun risarcimento, indennità e/o riduzione del prezzo, essendosi tenuto conto di tale alea nella determinazione del valore dei beni.
La partecipazione alla vendita implica la conoscenza integrale e l’accettazione incondizionata di quanto contenuto nella relazione peritale e nei suoi allegati.
Alla vendita in oggetto si applicano in quanto compatibili con il presente avviso le norme del codice di procedura civile in tema di vendita senza incanto, fatte salve le disposizioni specifiche della Legge Fallimentare.
In ogni caso, l’accoglimento dell’offerta non produrrà alcun effetto e non farà sorgere alcun diritto fino alla firma del decreto di trasferimento da parte del Giudice Delegato.
Si applicano gli artt. 107 e 108 L. F. In tutti i casi in cui non si perfezioni la vendita per gli effetti degli artt. 107 o 108 L.F., all’acquirente/aggiudicatario spetterà solo il diritto alla restituzione di quanto versato, escluso espressamente ogni altro diritto o risarcimento di sorta.
Il presente avviso non comporta per la procedura e per i suoi organi alcun obbligo o impegno di alienazione nei confronti di eventuali offerenti, riservandosi la facoltà di modificare o interrompere in qualunque momento la presente vendita, senza che ciò possa dar luogo a pretese di alcun tipo in capo a coloro che vi partecipano o a terzi.

VENDITA TELEMATICA
Modalità di presentazione dell’offerta telematica:
È possibile partecipare alla vendita in modalità telematica. In questo caso l’offerta deve essere redatta mediante il Modulo web ministeriale “Offerta Telematica” accessibile tramite apposita funzione “invia offerta” presente all’interno dell’annuncio pubblicato sul portale www.spazioaste.it. Una volta inseriti i dati ed i documenti necessari, il portale consentirà la generazione dell’offerta telematica che dovrà essere inviata ad un apposito indirizzo di posta elettronica certificata del Ministero della Giustizia mediante apposita casella di “posta elettronica certificata per la vendita telematica” oppure, in mancanza di tale apposito indirizzo, dovrà essere sottoscritta con firma digitale ed inviata tramite un normale indirizzo di posta elettronica certificata.
Nella pagina web iniziale Modulo web ministeriale “Offerta Telematica” è disponibile il “Manuale utente” messo a disposizione dal Ministero della Giustizia contenente le indicazioni per la compilazione e l’invio dell’offerta telematica.
Non saranno accettate offerte trasmesse dopo il termine fissato per la presentazione dell’offerta d’asta.
Onde evitare la non completa e quindi mancata trasmissione della documentazione, è consigliabile iniziare il processo di inserimento della stessa con largo anticipo rispetto al termine fissato.
Le offerte presentate sono irrevocabili. Una volta trasmessa l’offerta telematica non sarà più possibile modificare o cancellare l’offerta d’asta e la relativa documentazione, che saranno acquisite definitivamente dal portale e conservate dal portale stesso in modo segreto. Le comunicazioni per via telematica saranno effettuate all’indirizzo di posta elettronica certificata per la vendita telematica utilizzato per effettuare l’invio dell’offerta.
Versamento della cauzione:
Ciascun concorrente, per essere ammesso alla vendita telematica, deve comprovare l’avvenuta costituzione di una cauzione provvisoria a garanzia dell’offerta per un importo pari al 10% del prezzo offerto, che sarà trattenuta in caso di rifiuto dell’acquisto. Il versamento della cauzione si effettua tramite bonifico bancario sul conto le cui coordinate sono: IBAN IT 78 C 05387 13700 000001509144 con la seguente causale: “Versamento cauzione”.
A titolo di acconto sul compenso I.V.G. è richiesto un ulteriore versamento di un importo pari al 2% + IVA del prezzo offerto da effettuarsi tramite bonifico sul c/c indicato con la causale: “Acconto compenso I.V.G.”.
Onde consentire il corretto accredito delle cauzioni sul suddetto conto i bonifici dovranno essere effettuati almeno n. 5 giorni lavorativi prima del termine ultimo per la presentazione delle offerte.
Le cauzioni si riterranno versate solamente se l’importo risulterà effettivamente accreditato sul conto corrente intestato a So.Fi.R. S.r.l. entro il termine per la presentazione delle offerte.
La copia delle contabili dei versamenti deve essere allegata nella busta telematica contenente l’offerta.
Il mancato accredito del bonifico sul conto indicato è causa di nullità dell’offerta ed è ad esclusivo carico dell’offerente.
Al termine della gara, i bonifici saranno restituiti, al netto degli oneri bancari, a coloro che non siano aggiudicatari.
Per ricevere assistenza l’utente potrà inviare una e-mail all’indirizzo garaimmobiliare@astalegale.net, oppure contattare il call-center al numero 848 780013.
Partecipazione alle operazioni di vendita:
Nelle tre ore precedenti l’inizio delle operazioni, e comunque entro mezz’ora dall’inizio delle stesse, Astalegale.net invierà all’indirizzo di posta elettronica certificata per la vendita telematica utilizzato per effettuare l’invio dell’offerta, le credenziali per l’accesso al portale www.spazioaste.it e un avviso a connettersi entro l’orario previsto per l’avvio delle operazioni di vendita.
Gli offerenti che hanno formulato l’offerta in forma tradizionale partecipano comparendo innanzi all’I.V.G. nel luogo fisico in cui si svolge la vendita; le buste presentate in forma tradizionale saranno aperte alla presenza del banditore; tali offerte saranno riportate nel portale a cura del gestore della vendita e rese visibili a coloro che partecipano alle operazioni di vendita con modalità telematiche.
Gli offerenti che hanno formulato l’offerta in via telematica partecipano collegandosi al portale www.immobiliare.spazioaste.it e seguendo le indicazioni riportate nel “Manuale utente” disponibile all’interno del portale stesso; le buste presentate con modalità telematica saranno aperte attraverso il portale e rese visibili agli offerenti presenti innanzi al banditore.
Alla gara potranno partecipare tutti gli offerenti le cui offerte sono state ritenute valide.
La gara, che si svolgerà con modalità sincrona mista, avrà inizio al termine delle operazioni per l’esame delle offerte, salvo eventuali modifiche che verranno tempestivamente comunicate dal gestore della vendita al termine dell’apertura delle buste a tutti gli offerenti ammessi alla gara. Tra un’offerta ed una successiva offerta potrà trascorrere un tempo massimo di n° 2 (due) minuti. I rilanci effettuati dai partecipanti presenti innanzi al banditore saranno riportati nel portale a cura del gestore e rese visibili a coloro che partecipano alle operazioni di vendita con modalità telematiche. I rilanci effettuati dai partecipanti connessi al portale saranno resi visibili tramite il portale ai partecipanti presenti innanzi al banditore.
La gara telematica sarà dichiarata conclusa quando sarà trascorso il tempo massimo senza che vi siano state offerte migliorative rispetto all’ultima offerta valida. L’offerente che avrà fatto l’ultima offerta valida sarà dichiarato aggiudicatario provvisorio del bene.

PER CONCORDARE VISITE (GRATUITE) CON IL CUSTODE INCARICATO È NECESSARIO PRENOTARSI TRAMITE IL SITO: www.ivglucca.com

Per ricevere ogni altra informazione pertinente, rivolgersi all’ I.V.G. di Lucca, Viale San Concordio, 996/B, tel.: 0583 418555; fax: 0583418557; e-mail: ivg-lucca@email.it.
Lucca, addì 7.10.2019 Il Curatore Fallimentare Dott.ssa Carla SACCARDI

TERMINE PRENOTAZIONI VISITE
SI COMUNICA A TUTTI GLI INTERESSATI A VISIONARE GLI IMMOBILI +*IN CUSTODIA*+ CHE LA RICHIESTA DEVE ESSERE EFFETTUATA CLICCANDO SUL TASTO "PRENOTA LA VISITA" ENTRO E NON OLTRE LE ORE 12.00 DEI 7 GIORNI LAVORATIVI CHE PRECEDONO IL TERMINE PER IL DEPOSITO DELLE OFFERTE.

Storico Aste

Data Stato Prezzo
27/02/2018 In aggiornamento 438000.00 Vai alla scheda
10/04/2018 In aggiornamento 328500.00 Vai alla scheda
19/06/2018 In aggiornamento 246375.00 Vai alla scheda
23/09/2019 In aggiornamento 150000.00 Vai alla scheda
20/12/2019 In vendita 112500.00 Vai alla scheda Corrente