Guide
Guida all'acquisto

Per orientarti nel mondo delle vendite giudiziarie, comprendere le procedure corrette per partecipare alle vendite o cercare maggiori informazioni, consulta le pagine della nostra guida.

 
Bollettini
Benimobili
FABBRICATI COSTRUITI PER ESIGENZE INDUSTRIALI » FALL. 88/2017 CUSTODIA - LOTTO II: CAPANNONE ARTIGIANALE ...

FALL. 88/2017 CUSTODIA - LOTTO II: CAPANNONE ARTIGIANALE POSTO IN COMUNE DI ALTOPASCIO (LU), LOC. "LA GALEOTTA", VIA SANDRO PERTINI, 1.

SUPERFICIE IMMOBILE: MQ. 1.022,00.

CORREDATO DA RESEDE ESCLUSIVA SU QUATTRO LATI DI CIRCA MQ. 2.400,00.

Prezzo base € 487.500,00
Offerte entro il 11.01.2019 alle ore 12:00.
Data vendita: 14.01.2019 alle ore 10:00

La vendita avrà luogo presso: SALA ASTE I.V.G.: VIALE SAN CONCORDIO, 996/B - LUCCA.
Senza incanto
Scheda aggiornata il 16.11.2018 alle ore 17:19
ISTITUTO VENDITE GIUDIZIARIE

DEI TRIBUNALI DI LUCCA E MASSA

Viale San Concordio, 996/B – 55100 Lucca; tel.: 0583 418555; fax: 0583 418557;

e-mail: ivg-lucca@email.it; sito web: www.ivglucca.com



FALLIMENTO N° 88/2017 R.G. Fall.

Giudice Delegato: Dott. Giacomo LUCENTE – Curatore: Dott. Maurizio CERAGIOLI



Il giorno 14 gennaio 2019 alle ore 10:00

presso la sede dell’I.V.G. di Lucca in Viale San Concordio, 996/B

si procederà alla VENDITA senza incanto sincrona mista

del seguente bene immobile:



(Termine ultimo per il deposito delle offerte: 11 gennaio 2019 ore 12.00 presso la sede I.V.G.)





LOTTO UNO



Diritti di piena proprietà per la quota pari all’intero 1/1 su una porzione di fabbricato elevato su tre piani di cui il terrestre adibito ad officina meccanica – magazzino corredato di passo carrabile e resede comuni delimitata da muretto in pietra con soprastante ringhiera e situato nel Comune di Altopascio (LU), via Firenze, 95. La resede in parte ricade sulla proprietà confinate distinta dalla particella 717.

Il laboratorio di forma rettangolare è composto da ufficio, spogliatoio e W.C. di circa mq. 224 complessivi; ripostiglio e due locali ad uso deposito materiali ferrosi di circa mq. 61 con altezza min. 2,10 m. max.2,50 m.; centrale termica di mq. 6,80 posta nel seminterrato, portico di mq. 13 ed un locale non autorizzato di circa mq.55 eretto a confine sul “Rio dei Gatti” realizzato con longherine, tamponato in policarbonato e coperto con pannelli sandwich.

L’officina è ben inserita nel contesto abitativo del fabbricato costruito in muratura portante dotato di portoni metallici per il carico e scarico dei materiali, porte e finestre in alluminio protette in parte con bandoni in metallo, portico fronte strada, completamente intonacato e tinteggiato con resede pavimentata in porfido corredata di giardino e muro di recinzione in pietra con soprastante ringhiera arricchita da un cancello in ferro battuto posto lungo Via Firenze.

Internamente il laboratorio è vuoto e necessita di alcune opere di manutenzione ai pavimenti e agli intonaci soprattutto nell’ufficio dov’è presente in parte il distacco causato da umidità di risalita.

L’impianto elettrico non a norma si dirama dal quadro interno dotato di salvavita e si snoda all’interno

di canalette metalliche fissate alle pareti che alimentavano i torni e le frese. Il riscaldamento è garantito da una caldaia a basamento marca “Fer” alimentata a metano che fornisce acqua calda ai sanitari, ai radiatori in ghisa e ai ventilatori ad aria calda.

Si evidenzia che qualunque tipo di edificazione prevista all’interno della fascia di rispetto larga 10 ml. a partire dal bordo del ciglio del Rio Dei Gatti è vietata. Si precisa che il fabbricato di cui fa parte il laboratorio/officina in oggetto ricade all’interno della suddetta fascia di rispetto pertanto tale difformità non può essere inserita fra le istanze oggetto di sanatoria, ma è suscettibile di ordinanza di demolizione.

Censito al Catasto Fabbricati, Comune di Altopascio nei seguenti identificativi: Foglio n. 25, Particella n. 518 sub.9 categoria C/3 classe 8, consistenza mq. 286 Sup. Catastale mq. 311 rendita €. 2.171,29.



Per la descrizione dettagliata si veda la perizia di consulenza tecnica redatta dal Geom. Luigi DI GIULIO

scaricabile dai siti web www.ivglucca.com, www.astagiudiziaria.com nonché sul Portale nazionale delle Vendite pubbliche.



PREZZO BASE: € 75.000,00

Trattamento fiscale della cessione: trattandosi di immobili strumentali la vendita è soggetta ad iva su opzione della curatela.



LOTTO DUE



Diritti di piena proprietà per la quota pari all’intero (1/1) su un capannone artigianale posto in Comune di Altopascio (LU), Via Sandro Pertini, 1 località “La Galeotta” adibito a officina meccanica per ricambi di macchine industriali, corredato di resede esclusiva su quattro lati di circa mq. 2.400 ad uso giardino, viabilità e parcheggio realizzata in asfalto e autobloccanti interamente delimitata da muretto con soprastante rete con adiacenti gli idranti antincendio. L’immobile di forma rettangolare ha una superficie interna lorda di mq. 1.022 di cui mq. 880 l’officina con altezza ml. 6,50, uffici e W.C. per gli impiegati oltre docce, spogliatoio, ripostiglio e W.C. per le maestranze per una superficie complessiva di circa mq.142 con altezza ml. 3,10. Il piano primo raggiungibile da scala interna in acciaio è composto da ufficio e mensa dov’è ubicata la caldaia murale per una superficie totale interna lorda di circa mq. 50 con attiguo magazzino di mq. 92. Il fabbricato è costruito con pilastri prefabbricati posti all’interno delle cavità dei plinti di fondazione realizzati in opera e resi solidali mediante getto integrativo in calcestruzzo delle dimensioni cm. 50 × 50 su cui poggiano le travi a Y prefabbricate con soprastanti lastre di copertura curve in parte trasparenti per ricevere luce, dotato di porte con maniglione antipanico e portoni scorrevoli a ventaglio di larghezza ml. 4,70 e h. ml 4,50. A tamponamento fra i pilastri vi sono dei pannelli prefabbricati coibentati di tipo granigliato e bocciardato bianco di spessore circa cm.18 che poggiano su un cordolo di fondazione continua. Internamente è pavimentata in cemento industriale ed i pilastri sono predisposti ad accogliere il carro ponte o gru a bandiera. L’impianto elettrico è costituito da un armadio a due ante da cui partono le linee di alimentazione dei torni e frese. Il riscaldamento è garantito da quattro caldaie “Robur” alimentate a metano visibili dall’esterno, mentre l’acqua calda ed il riscaldamento del locale mensa, spogliatoio, uffici e servizio igienico è fornita dalla caldaia murale marca “Fer” posta al piano primo. Il vano ad uso spogliatoio è pavimentato con piastrelle ed il locale doccia è composto da W.C., docce, lavello e ripostiglio completamente intonacati, tinteggiati con pavimentati in gress, dotati di finestre in alluminio con vetro unico completamente riscaldati. Il piano primo in parte è pavimentato e riscaldato contrariamente al magazzino lasciato grezzo privo di impianti dove insiste una porzione di solaio non portante ne calpestabile. Il fabbricato risulta allacciato alla rete idrica comunale come pure lo scarico delle acque reflue che potrebbe essere parzialmente occluso a seguito della prolungata inattività e dalle paste lavamani contenenti sabbia. Gli uffici al piano terra sono completamente intonacati e tinteggiati, provvisti di bagno e antibagno dotato di aspirazione forzata per il ricambio d’aria con pavimento galleggiante per accogliere i cavi elettrici sottostanti, infissi in alluminio con vetro singolo, riscaldamento e aria condizionata garantito da termoconvettori “Aermec” alimentati da caldaia “Fer”. I vani contatori delle utenze di acqua e metano sono posti sulla viabilità pubblica all’inizio del passo carraio privato a comune, eccetto il contatore Enel situato all’interno della resede esclusiva del fabbricato in prossimità del cancello.

Censito al Catasto Fabbricati, presso l’Agenzia delle Entrate nel Comune di Altopascio, nei seguenti identificativi:

Foglio n. 30 Particella n. 1.143 categoria D/7 rendita €. 9.528,00.



Per la descrizione dettagliata si veda la perizia di consulenza tecnica redatta dal Geom. Luigi DI GIULIO

scaricabile dai siti web www.ivglucca.com, www.astagiudiziaria.com nonché sul Portale nazionale delle Vendite pubbliche.



PREZZO BASE: € 487.500,00

Trattamento fiscale della cessione: trattandosi di immobili strumentali la vendita è soggetta ad iva su opzione della curatela.



MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE

Ogni offerente dovrà depositare, in busta chiusa entro le ore 12,00 del giorno 11 gennaio 2019, presso gli Uffici dell’Istituto Vendite Giudiziarie di Lucca (I.V.G.) – So.Fi.R. S.r.l. in Lucca, Viale San Concordio, 996/B:

• Domanda di partecipazione redatta in bollo da € 16,00 che dovrà riportare: 1) le complete generalità dell’offerente/i, l’indicazione del codice fiscale e, nell’ipotesi di persona congiunta, il regime patrimoniale prescelto; 2) l’indicazione del lotto e del prezzo offerto, che non dovrà essere inferiore al prezzo base; 3) la specificazione di aver preso visione della perizia unitamente agli allegati e dell’avviso di vendita e di accettarne integralmente il contenuto; 4) un recapito telefonico e di posta elettronica; 5) il regime fiscale agevolato per la tassazione dell’atto di trasferimento solo nel caso in cui l’offerente intenda avvalersene.

Alla domanda dovrà essere allegata la copia fotostatica del documento di identità e del codice fiscale dell’offerente. In caso di istanze presentate per conto e nome di una società, dovrà essere prodotto certificato in bollo della CCIAA dal quale risulti la costituzione della società e i poteri conferiti all’offerente (con allegazione delle eventuali delibere necessarie);

• assegno circolare intestato a “Curatela fallimento N° 88/2017 Tribunale di Lucca”, di una somma non inferiore ad 1/10 del prezzo proposto, da imputarsi a cauzione;

• assegno circolare intestato a “So.Fi.R. S.r.l.” di un importo pari all’ 1% + IVA del prezzo offerto, a titolo di acconto su compenso.

Nella formulazione dell’offerta si tenga conto:

- che l’immobile non potrà essere intestato a soggetto diverso da quello che sottoscrive l’offerta di acquisto;

- che se l’offerente comprende più soggetti, essi potranno predisporre una sola offerta di acquisto, completa dei dati di tutti gli offerenti, e da essi sottoscritta;

- che se l’offerente è un minore, e/o un interdetto, e/o un inabilitato, l’offerta dovrà essere sottoscritta da chi ne esercita la potestà, la tutela o la curatela, e dovrà essere allegata una copia autentica del provvedimento giudiziale di autorizzazione all’acquisto;

- che se l’offerente agisce quale legale rappresenta di altro soggetto, dovrà essere allegato il certificato del registro delle imprese, ovvero l’atto di nomina da cui ne risultino i poteri;

- che l’offerta di acquisto potrà essere presentata anche secondo le forme previste dall’art. 583 del Codice di procedura civile;

La vendita non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente la eventuale esistenza di vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere (ivi compresi quelli urbanistici, ovvero quelli condominiali per l’anno corrente e per quello precedente la vendita) per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti o non presenti nella perizia di stima, non potranno dare luogo a nessun risarcimento, indennità e/o riduzione del prezzo, essendosi tenuto conto di tale alea nella determinazione del valore dei beni.

Il giorno 14 gennaio 2019 alle ore 10:00, presso la sala aste dell’I.V.G. in Lucca, Viale San Concordio, 996/B il banditore procederà ad aprire le buste depositate tenendo presente che:

- in caso di partecipazione di un unico offerente, l’immobile verrà comunque allo stesso aggiudicato;

- nel caso siano state depositate più offerte avrà luogo una gara tra gli offerenti che si svolgerà secondo le seguenti modalità:

o il prezzo base corrisponderà all’offerta più alta presentata. Nel caso di parità tra le offerte sarà considerata quella depositata prima in ordine di tempo;

o tutti i partecipanti potranno presentare rilanci per un importo non inferiore ad € 2.000,00 per il Lotto UNO ed € 10.000,00 per il Lotto DUE;

o risulterà aggiudicatario provvisorio il soggetto che avrà formulato l’offerta maggiore senza che vi sia stato alcun rilancio nel tempo di n° 2 (due) minuti dalla presentazione della stessa;

All’esito della gara di aggiudicazione:

- A ciascun offerente che non risulterà aggiudicatario saranno immediatamente restituiti entrambi gli assegni circolari precedentemente depositati insieme all’offerta.

- L’aggiudicatario dovrà corrispondere il pagamento dell’importo del compenso, soggetto ad IVA, spettante all’Istituto Vendite Giudiziarie – So.Fi.R. S.r.l. da calcolarsi sul prezzo dell’aggiudicazione secondo i seguenti scaglioni progressivi, detraendo, quindi, quanto già versato al momento del deposito dell’offerta:

o fino ad € 200.000,00: 2% del prezzo di aggiudicazione;

o da € 200.000,01 ad € 300.000,00: 1,5% del prezzo di aggiudicazione;

o da € 300.001,00 ad € 750.000,00: 1% del prezzo di aggiudicazione;

o da € 750.000,01 ad € 1.500.000,00: fisso € 10.000,00;

o da € 1.500.000,01 ad € 3.000.000,00: fisso € 12.000,00;

o oltre € 3.000.000,00: fisso € 15.000,00.

- L’offerente ha facoltà di dichiarare che intenderà versare il saldo prezzo usufruendo di mutuo ipotecario con garanzia reale sullo stesso immobile oggetto di vendita. Entro il termine fissato per il versamento del saldo prezzo le somme dovranno essere erogate direttamente dall’Istituto mutuante mediante consegna di assegno circolare non trasferibile intestato alla procedura.

- Se il Curatore, prima della firma dell’atto di trasferimento, dovesse ricevere un’offerta irrevocabile d’acquisto migliorativa che superi il prezzo di aggiudicazione di almeno il 10% (dieci per cento), può sospendere la vendita ai sensi dell’art. 107, comma IV, L. Fall.. In questo caso, verrà indetta nuova gara alla quale avranno il diritto di partecipare il nuovo offerente, il precedente aggiudicatario provvisorio e gli altri precedenti concorrenti.

- Entro il termine perentorio di 90 giorni decorrenti dall’avvenuta aggiudicazione, l’aggiudicatario provvisorio dovrà provvedere al pagamento del saldo prezzo, detratta la cauzione già versata. L’adempimento dovrà effettuarsi mediante versamento sul conto corrente della procedura. Copia dell’attestazione dell’avvenuto versamento dovrà essere esibita entro tre giorni presso lo studio del Curatore. In caso di mancato versamento del prezzo nei termini stabiliti, e degli altri oneri, diritti e spese l’aggiudicazione sarà revocata e l’aggiudicatario perderà le somme fino ad allora versate. In tal caso, inoltre, potrà essere addebitata l’eventuale differenza di prezzo che andrà a realizzarsi nella successiva aggiudicazione ad altro offerente, ai sensi dell’art. 587 C.p.c..

Al momento di emissione dell’atto di trasferimento l’aggiudicatario dovrà provvedere al pagamento di tutte le imposte dovute, spese di trascrizione, diritti di cancelleria, marche e quant’altro necessario per l’emissione, registrazione e trascrizione dell’atto di trasferimento e relative volture catastali, mediante bonifico sul conto corrente della procedura. L’espletamento delle formalità di cancellazioni delle trascrizioni dei pignoramenti e delle iscrizioni ipotecarie e di qualsiasi altra iscrizione o trascrizione conseguenti all’atto di trasferimento avverrà a cura e spese della procedura.

VENDITA TELEMATICA

Modalità di presentazione dell’offerta telematica:

È possibile partecipare alla vendita in modalità telematica. In questo caso l’offerta deve essere redatta mediante il Modulo web ministeriale “Offerta Telematica” accessibile tramite apposita funzione “invia offerta” presente all’interno dell’annuncio pubblicato sul portale www.spazioaste.it. Una volta inseriti i dati ed i documenti necessari, il portale consentirà la generazione dell’offerta telematica che dovrà essere inviata ad un apposito indirizzo di posta elettronica certificata del Ministero della Giustizia mediante apposita casella di “posta elettronica certificata per la vendita telematica” oppure, in mancanza di tale apposito indirizzo, dovrà essere sottoscritta con firma digitale ed inviata tramite un normale indirizzo di posta elettronica certificata.

Nella pagina web iniziale Modulo web ministeriale “Offerta Telematica” è disponibile il “Manuale utente” messo a disposizione dal Ministero della Giustizia contenente le indicazioni per la compilazione e l’invio dell’offerta telematica.

Onde evitare la non completa e quindi mancata trasmissione della documentazione, è consigliabile iniziare il processo di inserimento della stessa con largo anticipo rispetto al termine fissato.

Le offerte presentate sono irrevocabili. Una volta trasmessa l’offerta telematica non sarà più possibile modificare o cancellare l’offerta d’asta e la relativa documentazione, che saranno acquisite definitivamente dal portale e conservate dal portale stesso in modo segreto. Le comunicazioni per via telematica saranno effettuate all’indirizzo di posta elettronica certificata per la vendita telematica utilizzato per effettuare l’invio dell’offerta.

Versamento della cauzione:

Ciascun concorrente, per essere ammesso alla vendita telematica, deve comprovare l’avvenuta costituzione di una cauzione provvisoria a garanzia dell’offerta per un importo pari al 10% del prezzo offerto, che sarà trattenuta in caso di rifiuto dell’acquisto. Il versamento della cauzione si effettua tramite bonifico bancario sul conto le cui coordinate sono: IBAN IT 78 C 05387 13700 000001509144 con la seguente causale: “Versamento cauzione”.

A titolo di acconto sul compenso I.V.G. è richiesto un ulteriore versamento di un importo pari all’ 1% + IVA del prezzo offerto da effettuarsi tramite bonifico sul c/c indicato con la causale: “Acconto compenso I.V.G.”.

Onde consentire il corretto accredito delle cauzioni sul suddetto conto i bonifici dovranno essere effettuati almeno n. 5 giorni lavorativi prima del termine ultimo per la presentazione delle offerte.

Le cauzioni si riterranno versate solamente se l’importo risulterà effettivamente accreditato sul conto corrente intestato a So.Fi.R. S.r.l. entro il termine per la presentazione delle offerte.

La copia delle contabili dei versamenti devono essere allegate nella busta telematica contenente l’offerta.

Il mancato accredito del bonifico sul conto indicato è causa di nullità dell’offerta ed è ad esclusivo carico dell’offerente.

Al termine della gara, i bonifici saranno restituiti, al netto degli oneri bancari, a coloro che non siano aggiudicatari.

Per ricevere assistenza l’utente potrà inviare una e-mail all’indirizzo garaimmobiliare@astalegale.net, oppure contattare il call-center al numero 848 780013.

Partecipazione alle operazioni di vendita:

Nelle tre ore precedenti l’inizio delle operazione, e comunque entro mezz’ora dall’inizio delle stesse, Astalegale.net invierà all’indirizzo di posta elettronica certificata per la vendita telematica utilizzato per effettuare l’invio dell’offerta, le credenziali per l’accesso al portale www.spazioaste.it e un avviso a connettersi entro l’orario previsto per l’avvio delle operazioni di vendita.

Le offerte presentate in forma cartacea saranno riportate nel portale a cura del gestore della vendita e rese visibili a coloro che partecipano alle operazioni di vendita con modalità telematiche.

Gli offerenti che hanno formulato l’offerta in via telematica partecipano collegandosi al portale www.immobiliare.spazioaste.it e seguendo le indicazioni riportate nel “Manuale utente” disponibile all’interno del portale stesso; le buste presentate con modalità telematica saranno aperte attraverso il portale e rese visibili agli offerenti presenti innanzi al banditore.

Alla gara potranno partecipare tutti gli offerenti le cui offerte sono state ritenute valide.

La gara, che si svolgerà con modalità sincrona mista, avrà inizio al termine delle operazioni per l’esame delle offerte, salvo eventuali modifiche che verranno tempestivamente comunicate dal gestore della vendita al termine dell’apertura delle buste a tutti gli offerenti ammessi alla gara. I rilanci effettuati dai partecipanti presenti innanzi al banditore saranno riportati nel portale a cura del gestore e rese visibili a coloro che partecipano alle operazioni di vendita con modalità telematiche. I rilanci effettuati dai partecipanti connessi al portale saranno resi visibili tramite il portale ai partecipanti presenti innanzi al banditore.



PER CONCORDARE VISITE (GRATUITE) CON IL CUSTODE INCARICATO È NECESSARIO PRENOTARSI TRAMITE IL SITO: www.ivglucca.com



Per ricevere ogni altra informazione rivolgersi all’ I.V.G. di Lucca, Viale San Concordio, 996/B, tel.: 0583 418555; fax: 0583418557; e-mail: ivg-lucca@email.it o consultare i siti web www.ivglucca.com, www.astagiudiziaria.com, www.portalevenditepubbliche.giustizia.it e www.spazioaste.it.

Lucca, lì 19 ottobre 2018

LA DIREZIONE

Allegati

Modalità di partecipazione

SI COMUNICA A TUTTI GLI INTERESSATI A VISIONARE GLI IMMOBILI IN CUSTODIA CHE LA RICHIESTA DEVE ESSERE EFFETTUATA CLICCANDO SUL TASTO “PRENOTA LA VISITA” ENTRO E NON OLTRE LE ORE 12.00 DEL LUNEDI’ DELLA SETTIMANA ANTECEDENTE ALL’ASTA.

Ubicazione del bene
  • VIA SANDRO PERTINI, 1 - LOC. "LA GALEOTTA"
    55011- ALTOPASCIO (LU)
Mappa
Informazioni sulla procedura
  • Lucca
  • Fallimento N° 88/2017
  • Giudice: DR. GIACOMO LUCENTE
  • C.T.U.: GEOM. LUIGI DI GIULIO
  • Custode: Istituto Vendite Giudiziarie di Lucca
  • Da mostrare per validazione xhtml