Guide
Guida all'acquisto

Per orientarti nel mondo delle vendite giudiziarie, comprendere le procedure corrette per partecipare alle vendite o cercare maggiori informazioni, consulta le pagine della nostra guida.

 
Bollettini
Benimobili
ABITAZIONE DI TIPO CIVILE » FALL. 61/2017 CUSTODIA - LOTTO 3: APPARTAMENTO PER ...

FALL. 61/2017 CUSTODIA - LOTTO 3: APPARTAMENTO PER CIVILE ABITAZIONE SITUATO NEL COMUNE DI LUCCA (LU), CENTRO STORICO, VIA GUINIGI, 14.

APPARTAMENTO POSTO AL PIANO TERRA DELL'IMMOBILE DENOMINATO 'PALAZZO ORSUCCI'.

SUPERFICIE COMPLESSIVA: MQ. 137,00.

giudiziaria38105670956532-feb3-11e8-b10d-005056b10021
Prezzo base € 232.900,00
Offerta minima € 232.900,00
Rilancio minimo €: 2.000,00
Offerte entro il: 24-01-2019 12:00:00
Data della vendita: 25-01-2019 10:00:00
SENZA INCANTO
Modalità vendita: SINCRONA MISTA
Luogo vendita:
Viale San Concordio
55100 Lucca Lucca
Toscana Italia

Scheda pubblicata sul PVP il 13-12-2018

ISTITUTO VENDITE GIUDIZIARIE
DEI TRIBUNALI DI LUCCA E MASSA
Viale San Concordio, 996/B – 55100 Lucca; tel.: 0583 418555; fax: 0583 418557;
e-mail: ivg-lucca@email.it; sito web: www.ivglucca.com

TRIBUNALE DI LUCCA
FALLIMENTO N° 61/2017 R.G. Fall.
Giudice Delegato: Dott. Giacomo LUCENTE – Curatore: Dott.ssa Alessia CAVALLINI

INVITO AD OFFRIRE

L’Istituto Vendite Giudiziarie di Lucca e Massa,
PREMESSO
che il Curatore della procedura in oggetto
ha ricevuto offerte irrevocabili d’acquisto per i beni immobili infra descritti,
INVITA
i soggetti interessati a presentare ulteriori proposte irrevocabili di acquisto migliorative rispetto a quelle già acquisite con le modalità di seguito indicate,
ED AVVISA
che il giorno 25 gennaio 2019 alle ore 10.00 presso la sede dell’I.V.G. in Lucca, V.le S. Concordio, 996/B si procederà alla vendita senza incanto in modalità telematica sincorna mista.

(Termine ultimo per il deposito delle offerte: 24 GENNAIO 2019 ore 12.00 presso la sede I.V.G.)

LOTTO TRE

Appartamento per civile abitazione posto al piano terra dell’immobile denominato “Palazzo Orsucci” sito in Lucca, centro storico, via Guinigi n° 14 a cui si accede tramite loggia comune, costituito da un ampio locale ad uso ingresso/soggiorno, disimpegno, piccolo ripostiglio, cucina e bagno, altro disimpegno che conduce in due vani ad uso di camera e piccola stanza armadi; corredato da un vano ad uso di cantina al piano interrato a cui si accede da scala che si diparte dalla loggia comune.
L’unità immobiliare è in ottime condizioni con pavimenti in quadroni di cotto e soffitto avente un’altezza di ben ml. 4,00 in travi e travicelli in legno di pregevole fattura.
Gli impianti e gli infissi sono in ottimo stato e di pregevole fattura.
La superficie utile netta (SUN) risulta essere di Mq. 132,00 per il piano terra e di Mq. 21,45 per il locale ad uso cantina. Pertanto la Superficie commerciale risulta essere: Mq. 132,00 + (Mq. 21,45 × 25%) – Mq. 137,36 IN C.T. Mq. 137,00.
Referenze catastali: Foglio 197, mappale 159, sub. 17, cat. A/2, cl. 7, vani 6,5; Superficie catastale Mq. 183,00; R.C. € 872,81.
Confini alloggio: loggia condominiale: via Guinigi: mappale 159, sub. 26; mappale 159, sub. 32; mappale 159, sub. 16; mappale 159, sub. 18; salvo se altri e migliori confini.
Confini ripostiglio: mappale 159, sub. 25; mappale 159, sub. 32; mappale 159, sub. 24; salvo se altri e migliori confini.
Stato del possesso: L’unità immobiliare risulta libera e nel pieno possesso del Custode giudiziario (I.V.G. Lucca).
Provenienza: Atto di acquisto Notaio Raspini del 12/07/2006 Rep. n° 132814 registrato a Lucca il 17/07/2006 al n° 4392 ed ivi trascritto il 17/07/06 al particolare n° 4392.
Gravami: Ipoteca volontaria a garanzia di mutuo ipotecario atto Notaio Raspini del 12/07/2006 Rep. n° 132.815 iscritta il 17/06/2006 al part. n° 3.139.
Verbale di pignoramento di immobili UNEP Tribunale di Lucca del 07/045/2016 Rep. n° 2090 iscritto in data 04/05/2016 al part. n° 4.472.
Verbale di pignoramento di immobili UNEP Tribunale di Lucca del 04/12/2016 Rep. n° 6306 iscritto in data 21/12/2016 al part. n° 13.318.
Decreto di ammissione al concordato preventivo Tribunale di Lucca del 28/02/2017 Rep. n° 14/2016 iscritta il 16/03/2017 al part. n° 2691.
Sentenza dichiarativa di fallimento Tribunale di Lucca del 17/05/2017 Rep. n° 63/2017 iscritta il 15/06/2017 al part. n° 6422.
Situazione urbanistica: L’unità immobiliare fa parte del complesso edilizio oggetto di ristrutturazione in ordine ed in conformità alla D.I.A. n° 91/07 e successiva Variante Finale D.I.A. n° 298/09.
In data 08/10/2009 prot. gen. N° 27076 è stata inoltrata al Comune di Lucca Attestazione di Abitabilità dei locali ai sensi dell’Art. 8 comma 3 della L.R.T. n° 01/05.

Per la descrizione dettagliata si veda la perizia redatta dal C.T.U. Arch. Sergio TAMBELLINI
consultabile sul Portale nazionale delle Vendite pubbliche e sui siti web www.ivglucca.com e www.astagiudiziaria.com.

PREZZO BASE: € 232.900,00

LOTTO VENTIDUE

Proprietà superficiaria della durata di 99 anni rinnovabile su unità residenziale disposta su due piani oltre il seminterrato, a schiera con altre su due lati, a pianta irregolare, cui si accede mediante piccola resede esclusiva non recintata il tutto situato in Comune di Altopascio (LU), fraz. Badia Pozzeveri, loc. “Agliaio”, via G. Leopardi, 16.
Detta U.I. è costituita al piano rialzato da ingresso/soggiorno, piccolo ripostiglio e cucina; al piano primo due vani ad uso di camera, un vano ad uso di studio ed un bagno; al piano interrato un vano ad uso di cantina; è corredata come sopra detto da due resedi esclusive a nord ed a sud, nonché da un locale uso di rimessa al piano terra con antistante resede esclusiva, cui si accede da Via G. Boccaccio.
Impianti ed infissi in cattivo stato di conservazione.
La superficie utile netta (SUL) risulta essere di Mq. 96,00 per l’alloggio, di Mq. 13,00 per il locale ad uso di cantina, di Mq. 42,00 per l’area scoperta. Pertanto la Superficie commerciale risulta essere: Mq. 96,00 + (Mq. 13,00 × 25%) + (Mq. 42,00 × 10%) = Mq. 103,45 IN C.T. MQ.103,00.
Referenze catastali:
- Foglio 13, mapp.le 567, sub. 3, categoria A/3, cl.5, vani 7, Superficie catastale Mq. 132,00, R.C. €. 560,36.
- Foglio 13, mapp.le 567, sub. 15, categoria C/6, cl.5, mq. 15, R.C. €. 79,02.
Confini per l’alloggio: Via Petrarca; mapp.le 567sub. 2; mapp.le 567 sub. 4; vialetto condominiale; salvo se altri e migliori confini.
Confini per la rimessa: Via Boccaccio; mapp.le 567 sub. 14; mapp.le 567 sub. 16; vialetto condominiale; salvo se altri e migliori confini.
Provenienza: Decreto di trasferimento del Tribunale di Lucca del 20/02/2008 Rep. n° 490 registrato a Lucca il 21/02/200/ al n° 373 ed ivi trascritto il 26/02/2008 al part. n° 2149.
Gravami: Iscrizione ipotecaria a garanzia di mutuo ipotecario Atto Raspini del 15/07/2008 Rep. n° 135.959 del 17/07/2008 iscritta al n° 2525.
Verbale di pignoramento di immobili emesso dal tribunale di Lucca in data 26/01/2016 Rep. n° 565 trascritto il 24/02/2016 al part. n° 1887.
Vincolo a favore del Consorzio di Bonifica del Padule di Bientina atto Notaio Lenzi del 22/02/1999 Rep. n° 25890 trascritto il 18/03/1999 al part. n° 2709.
Vincoli, normative, obblighi, ecc… nascenti dall’atto di convenzione per la cessione in diritto di superficie dell’area PEEP del 10/01/1995 Rep. n° 5861 trascritto il 27/01/1995 al n° 975 e successiva trascrizione a rettifica del 15/01/1997 n° 588.
Servitù di elettrodotto a favore di ENEL per scrittura privata autenticata Notaio Antonino Tumbiolo del 04/09/1998 Rep. n° 17.275 trascritta a Lucca il 29/09/1998 al n° 9301.
Decreto di ammissione al concordato preventivo Tribunale di Lucca del 28/02/2017 Rep. n° 14/2016 iscritta il 16/03/2017 al part. n° 2691.
Sentenza dichiarativa di fallimento Tribunale di Lucca del 17/05/2017 Rep. n° 63/2017 iscritta il 15/06/2017 al part. n° 6422.
Situazione urbanistica: L’unità immobiliare fa parte di un complesso edilizio costruito in ordine alla Concessione Edilizia n° 30/95 ed in ordine ma in difformità dalla successiva Variante in Corso d’opera N° 46/98 rilasciata in data 11/05/1998.
In data 10/08/1998 con P.G. n° 15193 è stata inoltrata domanda di abitabilità dell’intero complesso edilizio.
In data 07/09/1998 con P.G. n° 16.639 il Comune di Altopascio ha chiesto di integrare detta domanda con il collaudo di tutte le opere di urbanizzazione che la proprietà aveva l’obbligo di redigere come espressamente riportato nella Convenzione con il Comune di Altopascio del 07/06/1996 Rep. n° 6031.
Detta integrazione non risulta essere stata mai consegnata ai competenti Uffici Comunali e pertanto se ne deduce che il collaudo delle opere di urbanizzazione non è mai stato depositato.
Pertanto la Unità Immobiliare in oggetto è priva di Abitabilità.
Da un attento esame della documentazione acquisita presso l’Ufficio Tecnico del Comune di Altopascio inerente la sopracitata Variante in Corso d’opera n° 46/98 e dal raffronto fatto sul luogo, emergono piccole difformità prospettiche, quali finestre aperte e non indicate negli elaborati grafici, presenza di finestre nei vani interrati non indicate negli elaborati grafici, mancata realizzazione di un balcone sul lato posteriore, piccole difformità nella sistemazione esterna quali vialetti privati, scalette di accesso, vialetti uso comune, ecc…
Tutte queste opere sono suscettibili di Sanatoria ordinaria previa presentazione di idonea e completa domanda al Comune di Altopascio, oltre al pagamento delle relative sanzioni ed alla redazione di nuove planimetrie catastali aggiornate.
Stato del possesso: l’immobile è attualmente ancora occupato dal conduttore in forza di contratto di locazione sottoscritto in data 15/01/2015. La curatela ha dato corso alla procedura di recesso dal predetto contratto ai sensi dell’art. 80 L. Fall. e pende avanti al Tribunale di Lucca un giudizio teso ad ottenere la declaratoria di avvenuto recesso dal contratto di locazione con fissazione della data per il rilascio.

Per la descrizione dettagliata si veda la perizia redatta dal C.T.U. Arch. Sergio TAMBELLINI
consultabile sul Portale nazionale delle Vendite pubbliche e sui siti web www.ivglucca.com e www.astagiudiziaria.com.

PREZZO BASE: € 82.000,00

MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE
Ogni offerente dovrà depositare, in busta chiusa entro le ore 12,00 del giorno 24 gennaio 2019, presso gli Uffici dell’Istituto Vendite Giudiziarie di Lucca (I.V.G.) – So.Fi.R. S.r.l. in Lucca, Viale San Concordio, 996/B:
• Domanda di partecipazione redatta in bollo da € 16,00 che dovrà riportare: 1) le complete generalità dell’offerente/i, l’indicazione del codice fiscale e, nell’ipotesi di persona congiunta, il regime patrimoniale prescelto; 2) l’indicazione del lotto e del prezzo offerto, che dovrà essere superiore al prezzo base indicato e corrispondente all’importo offerto al Curatore; 3) la specificazione di aver preso visione della perizia redatta dall’Arch. Sergio Tambellini unitamente agli allegati e dell’avviso di vendita e di accettarne integralmente il contenuto; 4) un recapito telefonico e di posta elettronica; 5) il regime fiscale agevolato per la tassazione dell’atto di trasferimento solo nel caso in cui l’offerente intenda avvalersene.
Alla domanda dovrà essere allegata la copia fotostatica del documento di identità e del codice fiscale dell’offerente. In caso di istanze presentate per conto e nome di una società, dovrà essere prodotto certificato in bollo della CCIAA dal quale risulti la costituzione della società e i poteri conferiti all’offerente (con allegazione delle eventuali delibere necessarie);
• assegno circolare intestato a “Curatela fallimento N° 61/2017 Tribunale di Lucca”, di una somma non inferiore ad 1/10 del prezzo proposto, da imputarsi a cauzione;
• assegno circolare intestato a “So.Fi.R. S.r.l.” di un importo pari all’ 1% + IVA (al 22%) del prezzo offerto, a titolo di acconto su compenso.
Nella formulazione dell’offerta si tenga conto:
- che la stessa è irrevocabile e potrà essere sottoscritta da chiunque tranne il soggetto fallito;
- che la stessa dovrà essere presentata in busta chiusa e recante all’esterno la sola dicitura
“Fallimento n° 61/2017 – curatore Dott.ssa Alessia Cavallini – offerta di acquisto”;
- che l’immobile non potrà essere intestato a soggetto diverso da quello che sottoscrive l’offerta di acquisto;
- che se l’offerente comprende più soggetti, essi potranno sottoscrivere una sola offerta di acquisto indicando i dati di tutti gli offerenti e la percentuale di intestazione in mancanza della quale l’intestazione avverrà indistintamente a tutti gli offerenti;
- che se l’offerente è un minore e/o un interdetto e/o un inabilitato l’offerta dovrà essere sottoscritta da chi ne esercita la potestà, la tutela o la curatela, e dovrà essere allegata una copia autentica del provvedimento giudiziale di autorizzazione all’acquisto;
- che se l’offerente agisce quale legale rappresenta di altro soggetto, dovrà essere allegato il certificato del registro delle imprese, ovvero l’atto di nomina da cui ne risultino i poteri;
- che l’offerta di acquisto potrà essere presentata anche secondo le forme previste dall’art. 583 del Codice di procedura civile;
Il bene è posto in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trova, anche in relazione alla Legge n. 47/1985 e sue successive modificazioni e integrazioni nonché al D.P.R. 380/01, a corpo e non a misura, con tutte le eventuali pertinenze, accessori, ragioni ed azioni, servitù attive e passive, apparenti e non. La vendita non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo.
Il giorno 25 gennaio 2019, alle ore 10.00, presso la sala aste dell’I.V.G. in Lucca, Viale San Concordio, 996/B il banditore procederà ad aprire le buste depositate tenendo presente che:
- in caso di partecipazione di un unico offerente, l’immobile verrà comunque allo stesso aggiudicato;
- nel caso siano state depositate più offerte avrà luogo una gara tra gli offerenti che si svolgerà secondo le seguenti modalità:
o il prezzo base corrisponderà all’offerta più alta presentata. Nel caso di parità tra le offerte sarà considerata quella depositata prima in ordine di tempo;
o tutti i partecipanti potranno presentare rilanci per un importo non inferiore ad € 2.000,00 per il Lotto n. 3 ed € 1.000,00 per il Lotto n. 22;
o risulterà aggiudicatario provvisorio il soggetto che avrà formulato l’offerta maggiore senza che vi sia stato alcun rilancio nel tempo di n° 2 (due) minuti dalla presentazione della stessa;
All’esito dell’aggiudicazione:
- A ciascun offerente che non risulterà aggiudicatario saranno immediatamente restituiti entrambi gli assegni circolari precedentemente depositati insieme all’offerta.
- L’aggiudicatario dovrà corrispondere il pagamento dell’importo del compenso, soggetto ad IVA (22%), spettante all’Istituto Vendite Giudiziarie – So.Fi.R. S.r.l., detraendo quanto già versato al momento del deposito dell’offerta, da calcolarsi sul prezzo di aggiudicazione secondo i seguenti scaglioni progressivi cumulabili fino ad € 750.000,00 ed applicando un prezzo fisso oltre tale cifra come specificato di seguito:
o fino ad € 200.000,00: 2% del prezzo di aggiudicazione;
o da € 200.000,01 ad € 300.000,00: 1,5% del prezzo di aggiudicazione;
o da € 300.001,00 ad € 750.000,00: 1% del prezzo di aggiudicazione;
o da € 750.000,01 ad € 1.500.000,00: fisso € 10.000,00;
o da € 1.500.000,01 ad € 3.000.000,00: fisso € 12.000,00;
o oltre € 3.000.000,00: fisso € 15.000,00.
- L’offerente ha facoltà di dichiarare che intenderà versare il saldo prezzo usufruendo di mutuo ipotecario con garanzia reale sullo stesso immobile oggetto di vendita. Entro il termine fissato per il versamento del saldo prezzo le somme dovranno essere erogate direttamente dall’Istituto mutuante mediante consegna di assegno circolare non trasferibile intestato alla procedura.
- Se il Curatore, prima della firma dell’atto di trasferimento, dovesse ricevere un’offerta irrevocabile d’acquisto migliorativa che superi il prezzo di aggiudicazione di almeno il 10% (dieci per cento), può sospendere la vendita ai sensi dell’art. 107, comma IV, L. Fall.. In questo caso, verrà indetta nuova gara alla quale avranno il diritto di partecipare il nuovo offerente, il precedente aggiudicatario provvisorio e gli altri precedenti concorrenti.
- Entro il termine perentorio di 90 giorni decorrenti dall’avvenuta aggiudicazione, l’aggiudicatario provvisorio dovrà provvedere al pagamento del saldo prezzo, detratta la cauzione già versata. L’adempimento dovrà effettuarsi mediante versamento sul conto corrente della procedura. Copia dell’attestazione dell’avvenuto versamento dovrà essere esibita entro tre giorni presso lo studio del Curatore. In caso di mancato versamento del prezzo nei termini stabiliti, e degli altri oneri, diritti e spese l’aggiudicazione sarà revocata e l’aggiudicatario perderà le somme fino ad allora versate. In tal caso, inoltre, potrà essere addebitata l’eventuale differenza di prezzo che andrà a realizzarsi nella successiva aggiudicazione ad altro offerente, ai sensi dell’art. 587 C.p.c..
Prima dell’emissione dell’atto di trasferimento l’aggiudicatario dovrà provvedere al pagamento di tutte le imposte dovute, spese di trascrizione, diritti di cancelleria, marche e quant’altro necessario per l’emissione, registrazione e trascrizione dell’atto di trasferimento e relative volture catastali, mediante bonifico sul conto corrente della procedura. L’espletamento delle formalità di cancellazioni delle trascrizioni dei pignoramenti e delle iscrizioni ipotecarie e di qualsiasi altra iscrizione o trascrizione conseguenti all’atto di trasferimento avverrà a cura e spese della procedura.
L’aggiudicatario definitivo potrà, ricorrendone i presupposti, avvalersi delle disposizioni di cui agli articoli 40, comma sesto, della legge 47/85 e 46 comma quinto del D.P.R. 380/2001. Conseguentemente l’eventuale esistenza di vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere (ivi compresi quelli urbanistici), per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti o non presenti nella perizia di stima, non potranno dare luogo a nessun risarcimento, indennità e/o riduzione del prezzo, essendosi tenuto conto di tale alea nella determinazione del valore dei beni.
Eventuali adeguamenti alle prescrizioni di legge o al contenuto di atti e regolamenti emanati dalle autorità preposte alla loro osservanza saranno ad esclusivo carico dell’aggiudicatario.
Il presente avviso non costituisce offerta al pubblico ex art. 1336 C.C. né sollecitazione del pubblico risparmio ai sensi delle leggi vigenti. Il presente avviso non costituisce obbligo per gli organi della procedura fallimentare o impegno di alienazione nei confronti di eventuali offerenti fino al momento della firma del decreto di trasferimento e, per questi ultimi, alcun diritto a qualsivoglia prestazione o rimborso, compreso il pagamento di mediazioni o consulenze.
Per i lotti facenti parte di un condominio trova applicazione il principio dell’ambulatorietà passiva in quanto l’art. 63 comma 4 delle disp. att. cod. civ. dispone che “chi subentra nei diritti di un condomino è obbligato solidalmente con questo al pagamento dei contributi relativi all’anno in corso e quello precedente”; ossia l’acquirente di un’unità immobiliare condominiale può essere chiamato a rispondere dei debiti condominiali del suo dante causa, solidalmente con lui, ma non al suo posto, ed opera nel rapporto tra il condominio ed i soggetti che si succedono nella proprietà di una singola unità immobiliare, non anche nel rapporto tra questi ultimi. Potranno pertanto fare carico al soggetto acquirente gli oneri condominiali eventualmente non pagati dalla procedura per l’anno in corso e per quello precedente.
Per quanto non disposto, si applicano, in quanto compatibili, le norme del C.P.C. in tema di vendita senza incanto. Sono comunque fatti salvi i poteri del Curatore e del Giudice Delegato di cui agli artt. 107 e 108 L.fall.
VENDITA TELEMATICA
Modalità di presentazione dell’offerta telematica:
È possibile partecipare alla vendita in modalità telematica. In questo caso l’offerta deve essere redatta mediante il Modulo web ministeriale “Offerta Telematica” accessibile tramite apposita funzione “invia offerta” presente all’interno dell’annuncio pubblicato sul portale www.spazioaste.it. Una volta inseriti i dati ed i documenti necessari, il portale consentirà la generazione dell’offerta telematica che dovrà essere inviata ad un apposito indirizzo di posta elettronica certificata del Ministero della Giustizia mediante apposita casella di “posta elettronica certificata per la vendita telematica” oppure, in mancanza di tale apposito indirizzo, dovrà essere sottoscritta con firma digitale ed inviata tramite un normale indirizzo di posta elettronica certificata.
Nella pagina web iniziale Modulo web ministeriale “Offerta Telematica” è disponibile il “Manuale utente” messo a disposizione dal Ministero della Giustizia contenente le indicazioni per la compilazione e l’invio dell’offerta telematica.
Non saranno accettate offerte trasmesse dopo il termine fissato per la presentazione dell’offerta d’asta.
Le offerte presentate sono irrevocabili. Una volta trasmessa l’offerta telematica non sarà più possibile modificare o cancellare l’offerta d’asta e la relativa documentazione, che saranno acquisite definitivamente dal portale e conservate dal portale stesso in modo segreto. Le comunicazioni per via telematica saranno effettuate all’indirizzo di posta elettronica certificata per la vendita telematica utilizzato per effettuare l’invio dell’offerta.
Versamento della cauzione:
Ciascun concorrente, per essere ammesso alla vendita telematica, deve comprovare l’avvenuta costituzione di una cauzione provvisoria a garanzia dell’offerta per un importo pari al 10% del prezzo offerto, che sarà trattenuta in caso di rifiuto dell’acquisto. Il versamento della cauzione si effettua tramite bonifico bancario sul conto le cui coordinate sono: IBAN IT 78 C 05387 13700 000001509144 con la seguente causale: “Versamento cauzione”.
A titolo di acconto sul compenso I.V.G. è richiesto un ulteriore versamento di un importo pari all’ 1% + IVA del prezzo offerto da effettuarsi tramite bonifico sul c/c indicato con la causale: “Acconto compenso I.V.G.”.
Onde consentire il corretto accredito delle cauzioni sul suddetto conto i bonifici dovranno essere effettuati almeno n. 5 giorni lavorativi prima del termine ultimo per la presentazione delle offerte.
Le cauzioni si riterranno versate solamente se l’importo risulterà effettivamente accreditato sul conto corrente intestato a So.Fi.R. S.r.l. entro il termine per la presentazione delle offerte.
La copia delle contabili dei versamenti devono essere allegate nella busta telematica contenente l’offerta.
Il mancato accredito del bonifico sul conto indicato è causa di nullità dell’offerta ed è ad esclusivo carico dell’offerente.
Al termine della gara, i bonifici saranno restituiti, al netto degli oneri bancari, a coloro che non siano aggiudicatari.
Partecipazione alle operazioni di vendita:
Nelle tre ore precedenti l’inizio delle operazione, e comunque entro mezz’ora dall’inizio delle stesse, Astalegale.net invierà all’indirizzo di posta elettronica certificata per la vendita telematica utilizzato per effettuare l’invio dell’offerta, le credenziali per l’accesso al portale www.spazioaste.it e un avviso a connettersi entro l’orario previsto per l’avvio delle operazioni di vendita.
Gli offerenti che hanno formulato l’offerta in forma tradizionale partecipano comparendo innanzi all’I.V.G. nel luogo fisico in cui si svolge la vendita; le buste presentate in forma tradizionale saranno aperte alla presenza del banditore; tali offerte saranno riportate nel portale a cura del gestore della vendita e rese visibili a coloro che partecipano alle operazioni di vendita con modalità telematiche.
Gli offerenti che hanno formulato l’offerta in via telematica partecipano collegandosi al portale www.immobiliare.spazioaste.it e seguendo le indicazioni riportate nel “Manuale utente” disponibile all’interno del portale stesso; le buste presentate con modalità telematica saranno aperte attraverso il portale e rese visibili agli offerenti presenti innanzi al banditore.
Alla gara potranno partecipare tutti gli offerenti le cui offerte sono state ritenute valide.
La gara, che si svolgerà con modalità sincrona mista, avrà inizio al termine delle operazioni per l’esame delle offerte, salvo eventuali modifiche che verranno tempestivamente comunicate dal gestore della vendita al termine dell’apertura delle buste a tutti gli offerenti ammessi alla gara. Tra un’offerta ed una successiva offerta potrà trascorrere un tempo massimo di n° 2 (due) minuti. I rilanci effettuati dai partecipanti presenti innanzi al banditore saranno riportati nel portale a cura del gestore e rese visibili a coloro che partecipano alle operazioni di vendita con modalità telematiche. I rilanci effettuati dai partecipanti connessi al portale saranno resi visibili tramite il portale ai partecipanti presenti innanzi al banditore.
La gara telematica sarà dichiarata conclusa quando sarà trascorso il tempo massimo senza che vi siano state offerte migliorative rispetto all’ultima offerta valida. L’offerente che avrà fatto l’ultima offerta valida sarà dichiarato aggiudicatario provvisorio del bene.

PER CONCORDARE VISITE (GRATUITE) CON IL CUSTODE INCARICATO È NECESSARIO PRENOTARSI TRAMITE IL SITO: www.ivglucca.com

Per ricevere ogni altra informazione rivolgersi all’ I.V.G. di Lucca, Viale San Concordio, 996/B, tel.: 0583 418555; fax: 0583418557; e-mail: ivg-lucca@email.it o consultare i siti web www.ivglucca.com, www.astagiudiziaria.com e www.spazioaste.it.
Lucca, lì 27 novembre 2018 LA DIREZIONE

Dati del lotto

Codice: 3
Genere: IMMOBILI
Categoria: IMMOBILE RESIDENZIALE

Ubicazione:VIA GUINIGI N. 14
55100 Lucca Lucca
Toscana Italia

Descrizione IT: APPARTAMENTO PER CIVILE ABITAZIONE POSTO AL PIANO TERRA DELL'IMMOBILE DENOMINATO "PALAZZO ORSUCCI" SITO IN LUCCA, CENTRO STORICO, VIA GUINIGI N.14 A CUI SI ACCEDE TRAMITE LOGGIA COMUNE, COSTITUITO DA UN AMPIO LOCALE AD USO INGRESSO/SOGGIORNO, DISIMPEGNO, PICCOLO RIPOSTIGLIO, CUCINA E BAGNO, ALTRO DISIMPEGNO CHE CONDUCE IN DUE VANI AD USO DI CAMERA E PICCOLA STANZA ARMADI

Dati dei beni

FALL. 61/2017 CUSTODIA - LOTTO 3: APPARTAMENTO PER CIVILE ABITAZIONE SITUATO NEL COMUNE DI LUCCA (LU), CENTRO STORICO, VIA GUINIGI, 14.
Tipologia: IMMOBILE RESIDENZIALE
Categoria: ABITAZIONE DI TIPO CIVILE

Ubicazione:VIA GUINIGI N.14
55100 Lucca Lucca
Toscana Italia

Descrizione IT: APPARTAMENTO PER CIVILE ABITAZIONE POSTO AL PIANO TERRA DELL'IMMOBILE DENOMINATO "PALAZZO ORSUCCI" SITO IN LUCCA, CENTRO STORICO, VIA GUINIGI N.14 A CUI SI ACCEDE TRAMITE LOGGIA COMUNE, COSTITUITO DA UN AMPIO LOCALE AD USO INGRESSO/SOGGIORNO, DISIMPEGNO, PICCOLO RIPOSTIGLIO, CUCINA E BAGNO, ALTRO DISIMPEGNO CHE CONDUCE IN DUE VANI AD USO DI CAMERA E PICCOLA STANZA ARMADI

Allegati

Modalità di partecipazione

SI COMUNICA A TUTTI GLI INTERESSATI A VISIONARE GLI IMMOBILI IN CUSTODIA CHE LA RICHIESTA DEVE ESSERE EFFETTUATA CLICCANDO SUL TASTO “PRENOTA LA VISITA” ENTRO E NON OLTRE LE ORE 12.00 DEL LUNEDI’ DELLA SETTIMANA ANTECEDENTE ALL’ASTA.

Pagamento contributo

Spesa prenotata debito: false
Contributo non dovuto: false

Siti

Tipologia: sito pubblicita
Nominativo: www.ivglucca.com
url: www.ivglucca.com
Tipologia: sito pubblicita
Nominativo: http://www.astalegale.net
url: http://www.astalegale.net
Tipologia: gestore delle vendite
Nominativo: http://www.spazioaste.it
url: http://www.spazioaste.it
Ubicazione del bene
  • VIA GUINIGI, 14 - CENTRO STORICO
    55100- LUCCA (LU)
Mappa
Informazioni sulla procedura
  • Tribunale: Tribunale di LUCCA
  • Registro: PROCEDURE CONCORSUALI
  • Rito: FALLIMENTARE (nuovo rito)
  • Numero: 61
  • Anno: 2017
  • N° IVG: 91/17
  • Fallimento N° 61/2017
  • Curatore: CAVALLINI Alessia
  • Giudice: LUCENTE Giacomo
  • Istituto Vendite Giudiziarie: LUCCA IVG
    Cod.Fisc.:LVSRNI64R68G702G
    email: custodieivg@gmail.com
    tel.: 0583418555

  • Da mostrare per validazione xhtml